Green pass, pareri discordanti tra i ristoratori di Palermo

Green pass, pareri discordanti tra i ristoratori di Palermo

Il punto in comune resta la necessità di ricorrere al vaccino

CRONACA (Palermo). Pareri discordanti sul contenuto, ma assoluta unità di visione sul rimedio a una situazione che si sta facendo giorno dopo giorno più critica. I ristoratori di Palermo si dividono sul tema del Green Pass, che potrebbe diventare una condizione per poter andare nei locali pubblici all’aperto così come al chiuso. C’è chi sostiene che questa opzione porterebbe alla necessità di chiamare al lavoro un numero maggiore di impiegati, ma c’è anche chi la vede come un modo per indurre i cittadini – anche i più scettici – a vaccinarsi contro il Covid. (Francesco Cammuca/alanews)

—- Trascrizione generata automaticamente —-
Secondo me no crea più disagi che altro più confusione più personale ci vuole per un controllo e oggi non abbiamo queste potenzialità di potere istituire questa questa regola così gastriche Secondo me la cosa più semplice dato il consenso alla vaccinazioni condivise e regolamentato secondo me Chi è deciso di non farci Marti non ti faccio ugualmente telefono e arrivano a casa punto incentivata solo la grande distribuzione ad avere di più quanto un po’ la famosa vieni un poco prezzo Diciamo che ristretta Libertà individuale Però dagli ultimi dati io sono molto favorevole Se ciò può evitare la chiusura in Portogallo nei locali e ristoranti eccetera eccetera di sicuro leggendo le varie testate giornalistiche quello che è l’incidenza dei ricoveri sia del 70 sento di non macinati quindi questo vaccino di qualche medica funziona credo che funzioni se queste sono le percentuali 70 anche 80% di coloro che vanno in ospedale non hanno il vaccino e hanno contratto il coronavirus Quindi questi dati mi sono lì quando pensa di essere favorevole al Green pass