Leonardo Di Caprio dice no all’olio di palma: ”fermiamo la devastazione delle foreste”

loading...

Leonardo DiCaprio, ancora lui. Dal Forum di Davos, l’attore americano ha annunciato che investirà 3,4 milioni di dollari in Ecuador per aiutare le popolazioni colpite dal disastro petrolifero di Chevron e per sostenere diversi gruppi ambientalisti. E gli investimenti della fondazione, com’era già stato annunciato, sosterranno anche i progetti di sostenibilità volti a tutelare le foreste pluviali di Sumatra, devastate dagli incendi e dall’industria dell’olio di palma.

Tanti i fronti su cui l’attore è impegnato e a Davos, in occasione del World Economic Forum, DiCaprio ha conquistato il Crystal Award, uno dei quattro riconoscimenti assegnati alle personalità che hanno dimostrato un impegno esemplare per migliorare il mondo.

Leonardo DiCaprio è stato premiato per la sua leadership nella lotta contro la crisi climatica. Con la sua Fondazione nata nel 1998, l’attore è stato attivo su una serie di tematiche legate alla sostenibilità, si legge sul sito ufficiale, tra cui la tutela di specie chiave, come squali in California, tigri in Asia ed elefanti in Africa.

“Egli ha anche invitato i leader mondiali ad affrontare i cambiamenti climatici ed è stato designato come Messaggero di Pace delle Nazioni Unite per i cambiamenti climatici. DiCaprio spiega: ‘Aria pulita, acqua e un clima vivibile sono diritti umani inalienabili. E risolvere questa crisi non è una questione di politica, si tratta della nostra stessa sopravvivenza’”.

Per questo la star di Hollywood non si è fermata e dallo stesso palco su cui ha ricevuto il premio, ha lanciato un appello contro lo sfruttamento delle fossili da parte delle multinazionali.

Inoltre ha promesso di sostenere la tutela del patrimonio delle foreste in tutto il mondo, dall’Ecuador a Sumatra. Questi enormi patrimoni naturali sono a rischio a causa dell’inquinamento e dello sfruttamento delle risorse, come nel caso delle foreste distrutte per la produzione di olio di palma.

“Nel corso dell’ultimo anno, grandi incendi in tutta Sumatra hanno rilasciato più emissioni di carbonio ogni giorno di quanto abbia fatto tutta l’economia degli Stati Uniti. Nel tentativo di proteggere queste ultime foreste pluviali rimaste, vitali per il nostro pianeta, la nostra fondazione sta finanziando lo loro sforzo di preservare 6,5 milioni di acri (2,6 milioni di ettari) delle pratiche invasive e distruttive dell’industria dell’olio di palma. Sono in corso sforzi simili nelle foreste pluviali amazzoniche dell’Ecuador dove sosteniamo gli sforzi degli indigeni per fermare l’estrazione di petrolio dilagante e distruttivo che avvelena le loro terre e le comunitàha detto DiCaprio. fonte

Commenti

commenta