ULTIME NOTIZIE
loading...
loading...

IL RISCALDAMENTO CLIMATICO E′ UNA BUFALA

122
Condivisioni Totali

Il Capo consulente aziendale del primo ministro australiano dice che il cambiamento climatico è uno stratagemma guidato dalle Nazioni Unite per creare un nuovo ordine mondiale sotto il controllo dell’agenzia. La dichiarazione ha coinciso con la visita del negoziatore del clima delle Nazioni Unite.

Maurice Newman, presidente del consiglio consultivo di affari del primo ministro Tony Abbott, ha detto che l’Onu sta usando falsi modelli che mostrano aumenti di temperatura sostenuti perché vuole finire la democrazia e di imporre un regime autoritario.

“E ‘un segreto ben custodito, ma il 95 per cento dei modelli climatici che ci viene detto di dimostrare il legame tra emissioni di CO2 umani e un catastrofico riscaldamento globale sono stati trovati, dopo quasi due decenni di stasi temperatura. Questi confermano di essere in errore”, ha scritto in un articolo di opinione pubblicato sul quotidiano australiano il Venerdì, senza fornire prove.

“Il vero programma è concentrato potere politico. Il riscaldamento globale è il gancio”, ha detto, aggiungendo che le Nazioni Unite sono contro il capitalismo e la libertà e vuole creare un “nuovo ordine mondiale”.

Commenti infiammatori del consulente hanno coinciso con la visita del capo Nazioni Unite sul clima Christiana Figueres.

Secondo Newman, Figueres è “ha messo a verbale dicendo che la democrazia è un sistema politico povero per combattere il riscaldamento globale. La Cina comunista, dice, è il modello migliore. “

Figueres è stato in Australia per discutere l’azione concreta dei cambiamenti climatici, invitando il paese di abbandonare la produzione di carbone altamente inquinanti. Ha anche esortato l’Australia a svolgere un ruolo di primo piano al vertice sul clima a Parigi nel mese di dicembre.

Ma questa chiamata è improbabile che possa essere ascoltata. Durante la riunione del G20 di novembre a Brisbane, Abbott ha avvertito che il vertice di Parigi fallirebbe se i leader mondiali hanno deciso come priorità il taglio delle emissioni di carbonio sulla crescita economica.

Abbott, che ha chiamato la scienza dietro i cambiamenti climatici “merda” nel 2009, ha abrogato anche una tassa sul prezzo del carbonio e ha abolito l’organo consultivo indipendente della Commissione Clima in Australia.

Il primo ministro è stata riluttante a prendere parte al cambiamento climatico politica, cercando ma non riuscendo a tenerlo fuori l’agenda al summit del G20 dello scorso anno.

Sia l’ufficio di Abbott e le Nazioni Unite hanno finora rifiutato di commentare le dichiarazioni di Newman.

Un noto cambiamento climatico scettico, Newman ha fatto commenti provocatori simili in passato, definendo la nozione di un “mito” e un “delirio”.

Nel mese di febbraio, ha criticato le politiche energetiche rinnovabili. Citando carità britannico Age UK, ha dichiarato che i cittadini anziani in Gran Bretagna spesso muoiono di “morti invernali” perché non possono permettersi aumento di potenza per riscaldamento domestico.Ha incolpato le politiche energetiche rinnovabili, che fanno salire il prezzo dell’energia.

Tuttavia, alla domanda circa la sua affermazione da The Guardian,ha evitato una dichiarazione che fa riferimento elevati ai costi energetici, ma non ha menzionato nulla di energie rinnovabili.

Solo pochi mesi prima, nel novembre 2014, Newman ha citato uno studio commissionato dal governo scozzese, che avrebbe detto che per ogni posto di lavoro nel settore delle rinnovabili, 3,7 posti di lavoro sono stati persi altrove. Tuttavia, la relazione in sé non ha fatto menzione che è stato commissionato dal governo. In realtà, il governo ha definito lo studio “fuorviante”,aggiungendo che il settore sarebbe in realtà l’effetto opposto sui posti di lavoro.

Secondo Gruppo intergovernativo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, la temperatura media globale potrebbe salire fino a 4,8 ° C (40.6 ° Fahrenheit) solo questo secolo. La previsione è visto come una ricetta per siccità, inondazioni e innalzamento dei mari. Fonte

122
Condivisioni Totali

Lascia il tuo commento:

commenti