ULTIME NOTIZIE
loading...
loading...

Finalmente svelato il mistero della morte di Bruce Lee, a 40 anni dalla scomparsa…

2.4k
Condivisioni Totali

La sera del 20 luglio 1973, intorno alle 7.30, Bruce Lee morì nel sonno per una reazione allergica a un farmaco analgesico. Aveva 32 anni. Era stato un attore e un maestro di arti marziali e, in poche parole, con cinque film e una serie televisiva contribuì a portare la moda delle arti marziali in Occidente: nel 1999 TIME lo proclamò una delle persone più influenti del Ventesimo secolo.

Lee nacque con il nome di Lee Jun Fan il 27 novembre del 1940 nella Chinatown di San Francisco, ma i suoi genitori si trasferirono ad Hong Kong, all’epoca un territorio controllato dal Regno Unito, quando aveva appena tre mesi. Il padre di Lee era un attore d’opera cantonese e dopo la guerra divenne molto famoso ad Hong Kong. Grazie al padre, Lee cominciò a recitare molto giovane: girò il suo primo film a 11 anni. A diciott’anni, quando la famiglia lo mandò negli Stati Uniti a studiare – anche perché aveva la pessima abitudine di finire spesso in mezzo a risse di strada – aveva già girato una ventina di film ad Hong Kong.

Negli Stati Uniti Lee abbandonò temporaneamente la carriera di attore, ma praticò molto le arti marziali. La sua prima formazione, in Cina, era stata nell’arte marziale del Wing Chun, nella scuola fondata dal leggendario maestro Yip Man – negli ultimi anni sono stati girati in Cina cinque film biografici su di lui – ma nel corso del tempo preferì non rimanere legato a una sola arte marziale e unì diverse tecniche in una disciplina di sua invenzione, il Jeet Kune Do (“la via che intercetta il pugno”). La disciplina univa tecniche di combattimento a una precisa filosofia di vita, che lo stesso Lee espose in diverse occasioni.

Dopo aver lavorato come cameriere a Seattle e aver studiato alla University of Washington nella città, si trasferì in California dove cominciò ad insegnare arti marziali. Esistono diversi racconti e aneddoti su questo periodo, molti dei quali probabilmente apocrifi. Ad esempio, si racconta che la comunità cinese californiana gli intimò di smettere di insegnare i segreti delle arti marziali agli occidentali. Lee rifiutò e così venne sfidato da un altro maestro di kung fu che Lee, secondo il racconto, batté facilmente dopo tre minuti.

Lee era effettivamente molto abile, veloce e forte: il suo straordinario atletismo è uno dei motivi del suo successo. Era in grado di compiere acrobazie spericolate – tra cui i suoi famosi calci volanti – e a differenza di molti altri praticanti di arti marziali curava molto la sua forma fisica. Seguiva diete particolari e praticava il body building. Negli anni ’60 si fece notare nel corso di diversi campionati di arti marziali: oltre che per il suo stile, anche per i suoi modi da sbruffone. Durante gli scontri derideva l’avversario, lo provocava o gli girava di proposito le spalle.

Nel 1964 venne notato da un produttore durante un campionato internazionale di karate a Long Beach, in California. Dopo una serie di provini, Lee venne scelto per interpretare Kato, l’autista e guardia del corpo nella serie Il Calabrone Verde (il protagonista è un celebre giustiziere su cui è stato girato un film anche nel 2011). Grazie al successo della serie, Lee viene scelto per interpretare un ruolo simile a quello di Kato nel film L’investigatore Marlowe del 1969. Dopo qualche altra apparizione in televisione, Lee decise di accettare le offerte per tornare a Hong Kong, visto quanto era difficile per un cinese ottenere un ruolo che non fosse quello dell’autista o del servitore: mentre nel suo paese d’origine era già una star, grazie all’arrivo in televisione del Calabrone verde.

Nel 1971 Lee era uno degli attori più famosi di Hong Kong e della sua movimentata scena di cinema d’azione: Il Calabrone Verde veniva trasmesso con il titolo The Kato Show. Girò in due anni tre film da protagonista, che vennero esportati in tutto il mondo. Il terzo, L’urlo di Chen terrorizza anche l’occidente – uno dei primi film in cui compare Chuck Norris, tra l’altro – ebbe un tale successo che Lee tornò ad Hollywood per girare un film di produzione americana, questa volta da protagonista. Come attore, Lee aveva un grande carisma e grazie al suo successo divenne un eroe prima di tutto presso il pubblico asiatico e le comunità orientali in tutto il mondo.

Nel 1973 finì di girare I Tre dell’Operazione Drago e fu un altro successo enorme: costato soltanto un milione di dollari, ne incassò negli anni successivi più di 200. Lee però non riuscì mai a vederlo. Il 20 luglio del 1973, mentre lavorava con il suo produttore a una sceneggiatura, si addormentò dopo aver preso un analgesico. Non si svegliò più e poche ore dopo venne dichiarato morto prima di arrivare in ospedale.

L’incertezza che i medici ebbero inizialmente nel determinare le cause della morte contribuì a creare numerose leggende. Ad esempio si disse che era stato avvelenato da una sua amante, pagata da una casa di produzione rivale, oppure che era stato ucciso dalla mafia cinese. Ma la storia che ebbe probabilmente più successo – anche perché più in linea con il personaggio – era quella secondo cui Lee era morto dopo essersi scontrato con un maestro di una scuola rivale. Secondo questo racconto piuttosto fantastico, Lee perse lo scontro perché subì una mossa segreta, un particolare tipo di pressione sui suoi organi vitali, che gli causò la morte dieci giorni dopo aver subito il colpo.

2.4k
Condivisioni Totali

Loading...

Lascia il tuo commento:

commenti