ULTIME NOTIZIE
loading...
loading...

Apple sta per lanciare "icar", l’auto che si guida da sola.

66
Condivisioni Totali

Il progetto Titan è in fase avanzata e Cupertino vuole cominciare itest su strada.

Apple sta costruendo un’auto che si guida da sola, sfidando Google, e cerca luoghi per i test. Lo rivela il Guardian, citando documenti ottenuti in esclusiva che dimostrerebbero lo stato avanzato del Titan project, nome in codice dietro al quale si nasconde il primo veicolo automatico della Mela. A maggio, secondo il quotidiano britannico, «lo Special Project group dell’azienda si è incontrato con i responsabili della GoMentum Station, una ex base navale nei pressi di San Francisco» per avviare i test segreti sull’auto. Insomma, quella che un giorno molto vicino potrebbe essere l’iCar sembra già pronta per i primi test su strada.

Dell’automobile Apple se ne era parlato all’inizio dell’anno, quando l’azienda aveva destinato al progetto Titan un centinaio di persone guidate da Steve Zadesky, già ingegnere della Ford e nel team che ha realizzato l’iPhone, e Johann Jungwirth, assunto dopo essere stato a capo della ricerca e sviluppo di Mercedes-Benz. E pare che gli impegni di Apple stiano per dare alla luce l’ultimo prodotto della Mela.

Del resto Apple non ha fatto mistero del suo interesse per il settore automobilistico. Lo scorso maggio Jeff Williams , direttore operativo di Cupertino, aveva detto che «l’auto è il più avanzato dei dispositivi mobili». Apple, inoltre, sente la pressione di un nutrito gruppo di concorrenti, a partire da Tesla (che quest’anno ha soffiato a Cupertino ben 150 ex dipendenti) e Uber (che sta investendo a sua volta sui veicoli automatici), arrivando al più pericoloso Google, che con la nuova riorganizzazione societaria annunciata con la nascita di Alphabet, promette di concentrarsi con ancora più zelo sui tanti progetti aperti. E tra questi, da tempo, si parla anche di un’automobile in grado di guidarsi da sola.

Fonte lastampa.it

66
Condivisioni Totali

Loading...

Lascia il tuo commento:

commenti